Processo decisionale d’acquisto – Zmot

Processo decisionale d'acquisto

Rispetto al processo decisionale d’acquisto tradizionale, è stato introdotto un nuovo momento decisionale chiamato ZMOT. In questa fase, che avviene subito dopo lo stimolo d’acquisto, il potenziale acquirente procede con la ricerca di tutte le informazioni che riguardano il prodotto a cui è interessato. Le informazioni sono fondamentalmente presenti online sotto forma di foto, video, recensioni e ricerche effettuate sui motori di ricerca.

Per le aziende risulta fondamentale farsi trovare preparate nella fase ZMOT, ovvero farsi trovare in tutti i canali dove gli utenti possono ricercare informazioni, come ad esempio i social network, forum di consumatori ecc.

Processo decisionale nel Marketing Tradizionale

Analizzando le teorie del Marketing tradizionale, assumono un ruolo fondamentali tre momenti del processo sulle decisioni dell’acquisto. Questi tre momenti possono essere riassunti dalla seguente infografica.

Schermata 2014-01-27 alle 22.42.55

  • Stimulus: il potenziale cliente riceve lo stimolo dell’acquisto. Questo stimolo può arrivare ad esempio da una campagna pubblicitaria, da un articolo di giornale o da un banner pubblicitario;
  • First Moment of Truth (FMOT): è il momento della verità dell’acquisto. Il consumatore, decide di acquistare un determinato articolo scegliendolo tra altri nello scaffale.
  • Second Moment of Truth: Rappresenta l’esperienza legata all’acquisto. Il consumatore esprime la sua valutazione relativa all’acquisto.

Questo tipo di approccio è stato ipotizzato per la prima volta da Procter & Gamble nel 2005 teorizzando il Primo Momento della Verità (First Moment of Truth – FMOT).

 

Registrazione Video e Audio su Mac

Spesso è necessario effettuare registrazioni di video sul Mac.

Quicktime (presente sul OSX) consente di effettuare registrazioni audio e video, ma non di poter utilizzare l’audio proveniente dall’applicazione che la sta generando.

Per poter effettuare la registrazione dell’applicazione e dell’audio è necessario installare un particolare software chiamato Sound Flower e scaricabile da questo link.

Eseguire il programma appena installato  (ricercandolo all’interno dei programmi installati).

Schermata 2014-01-27 alle 22.19.27

Una volta eseguito il programma, nella barra in alto a sinistra (vicino all’orologio), selezionare Sound Flower.

Schermata 2014-01-27 alle 22.21.05

Aprire Audio Setup.

Schermata 2014-01-27 alle 22.24.48

Impostare Sound Flower (2ch) come predefinito e Impostare questo dispositivo per l’uscita audio.

 

Schermata 2014-01-27 alle 22.26.30

A questo punto, utilizzando Quicktime Player e dal Menu File selezionare Nuova Registrazione VideoSelezionare la freccia in basso e ed impostare Sound Flower (2ch) come sorgente audio.

Schermata 2014-01-27 alle 22.31.46

A questo punto avviando la registrazione video, verrà utilizzato l’audio dell’applicazione corrente.

Per ripristinare il funzionamento dell’audio è necessario eseguire le operazioni in senso inverso:

  • Aprire Sound Flower dal menu in alto a sinistra.
  • Aprire Audio Setup
  • Impostare Uscita integrata come predefinita
  • Chiudere il programma Sound Flower (dal menu in alto a sinistra).

 

Prestashop – Operazioni Preliminari – Visualizzazione prezzi con Iva

Per impostazione predefinita Prestashop non visualizza nel frontend i prezzi comprensivi di IVA. Per abilitare la visualizzazione dei prezzi comprensivi di IVA è necessario entrare nel Backend

Successivamente entrare nella sezione Gruppi e per ogni gruppo alla voce Visualizzazione Prezzi impostare Tasse incluse.

 

Prestashop – Operazioni Preliminari – Impostazioni tasse

Supponendo di aver impostato Prestashop per l’utilizzo in lingua italiana e valuta euro è necessario impostare l’aliquota iva predefinita.

In Prestashop è possibile configurare le aliquote disponibili dal menu Backend alla voce Tasse.

Dall’elenco è consigliabile abilitare solo quelle per l’Italia.  Selezionare tutte le tasse presenti e disabilitarle con il pulsante Disattiva Selezionati.

Successivamente abilitare solo quelle per l’Italia. In particolare:

IVA IT 22%  –  IVA IT 4% –  IVA IT 10%

Eventualmente creare aliquote personalizzate.